it.e-administracja.net

Luck Is A Lady

Luck Is A Lady

"La tua mente sembra essere altrove stasera. Va tutto bene? " Sto solo pensando a tutti i libri che ho bisogno di fare questa settimana. "Le attività di questo pomeriggio mi avevano fatto girare la testa. Non ero sicuro per chi fosse questo tête-à-tête; Tom o me. Non ho potuto fare a meno di sentire che Kate voleva Tom e me insieme. Di sicuro, lei era andata prima con il suo fidanzato. Ha domato la bestia e ha preso il bordo. Ma era il modo in cui lei lo ha diretto con me che mi chiedevo. Il suo rimprovero a Tom continuava a risuonare nella mia testa: "Entrate in una donna rispettosamente." E si è assicurata che lo facesse. Niente di sporco, ma molto dolcemente, con amore. Ci ha supervisionato da vicino. Non aveva la minima gelosia che guardava il suo ragazzo e io mi sentivo intimo; in effetti, ci ha uniti. E mi è piaciuto molto stare con Tom. Il modo in cui mi teneva tra le sue braccia mentre mi baciava. Il timore reverenziale sulla sua faccia come facevo a modo mio con la sua ragazza. Quanto gentile era. Mi sentivo così a mio agio con lui. Ma era il ragazzo di Kate. E ho avuto il mio ragazzo. Mi sono sentito meglio con Tom perché era nuovo? O perché era così amorevole e tenero? O che semplicemente mi piaceva di più? "So che hai lavorato molto ultimamente," Bill simpatizzò. "Possiamo tornare a casa tua e ti aiuterò a farne un po '." Continuavo a chiedermi se Kate avrebbe annullato il suo invito una volta che ci avesse pensato meglio. Speravo che non l'avrebbe fatto perché non vedevo l'ora di stare di nuovo con lei e Tom. Volevo far parte della bellissima intimità di Kate. Io ...
volevo di nuovo la tenerezza di Tom. Volevo che Kate fosse lì per accompagnarci. È qui che è arrivata la colpa. Mi sentivo più in colpa per aver voluto il fidanzato di Kate di quanto non sentissi per aver tradito Bill. Un ragazzo è proprio questo: un fidanzato. Non avevamo impegni e eravamo liberi e liberi. Ma volere il fidanzato del tuo amico, era diverso. Mi sentivo come un mascalzone. "Grazie, Bill, ma ora non è il momento. Non ho la testa per quello adesso. Ma puoi portarmi a casa dove possiamo semplicemente rilassarci. Forse guardo la TV o posso mettere su un film. È più profondo che posso ottenere adesso. "Siamo finiti a casa a guardare un film al buio. Bill era veramente sensibile ai miei sentimenti e voleva consolarmi. Ha iniziato a diventare amoroso e mentre io non ero un partecipante attivo, non l'ho nemmeno allontanato. Mi ha tenuto con affetto e ha cercato di placare il mio tumulto. "Sei molto teso. Sdraiati, "ordinò Bill. Ho fatto e Bill ha iniziato un massaggio collo e schiena che non era quasi buono come quello di Kate. Mi ha spogliato mentre continuava. Mi ha fatto completamente nudo sul divano. Il suo tocco era confortante. "Mi piace che tu ti sia rasato meglio," disse Bill affettuosamente, tirandomi su. La prima volta che Bill mi ha visto calvo è quasi diventato selvaggio. Non poteva smettere di guardare, toccarmi e baciarmi. Si è trasferito a baciarmi ora. "Non stanotte, Bill. Non penso sia una buona idea. "Dopo l'attività di quel pomeriggio ero un po 'indolenzito da Tom. "Voglio rilassarti, Laura. Distenditi e lasciami indulgere. È il mio trattamento e il mio piacere. "Ho provato a tenere ...


Diario della figlia di papà pt1

Diario della figlia di papà pt1

Disclaimer: Tutti i personaggi di questa storia sono romanzati e hanno più di 18 anni. James e Chrystal vivono in un piccolo bungalow in un paese pittoresco villaggio. Angela, l'ex moglie di James, li aveva lasciati per aprile, il nuovo istruttore di Zumba nella prossima città. Sono stati da soli per alcuni anni.

(Storie incesto)

Mia sorella e io, prima parte

Mia sorella e io, prima parte

Avevo sedici anni quando mio padre morì, accadde così all'improvviso e la nostra famiglia non fu mai più la stessa. Mia sorella, di nome Sarah, all'epoca aveva quindici anni e noi eravamo sempre stati vicini ma con il passare del nostro papà ci siamo avvicinati molto. La mamma ha dovuto impiegare più ore al lavoro per aiutare a far quadrare i conti così tanto tempo; eravamo solo noi due.

(Storie incesto)