it.e-administracja.net

Mamma era via per la notte

Mamma era via per la notte

I suoi occhi tremavano per la paura, o era l'attesa. Era nervoso e, per qualche motivo, avevo poca cura. Era un ragazzo, un adolescente. Non puoi rompere uno di quelli.

Era buio nella sua camera da letto. Ero sicuro che fosse caldo, ma la mia pelle continuava a strisciare con milioni di insetti tremanti. Tutto quello che indossavo erano due sottili pezzi di stoffa, uno drappeggiato giù dalle mie spalle e il secondo che mi abbracciava i fianchi e che si intrecciava tra le mie gambe. Avevo sedici anni, ma ancora così vulnerabile al mio fratellino in quelle due costolette di tessuto; nel buio, camminando lentamente fino al suo letto.

I suoi occhi tremavano.

Raggiungendo il materasso su cui giaceva così silenzioso, feci scorrere le dita nude sulle lenzuola che aiutavo la mamma a scegliere per il suo nuovo compleanno da regina letto. I miei polpastrelli si arrotolarono sotto i loro bordi e li sollevarono.

Padre -

Era profondamente addormentato. La pillola che gli feci scivolare si assicurò di ciò; o almeno assicurato che se si fosse svegliato, non si sarebbe ricordato la mattina.

Ho fissato il suo enorme corpo maschile sotto le lenzuola.

"Papà", sussurrai con una voce tubante. Nessuna risposta.

In piedi accanto al suo letto nelle mie mutandine sottili e camicia da notte, tirai indietro le lenzuola. Il suo corpo nudo mi fissò aggressivamente da un lato. Respirai e ritrassi le mie mani per spogliarmi.

Brother -

Mi passai la mano sotto la maglietta. Il suo corpo era delicato e giovane; così poca esperienza. Le mie labbra picchiettarono leggermente sul lato della sua guancia mentre rilasciavo gentilmente la mia calda e umida larghezza su di lui. Il suo capezzolo indefinito scivolò nella mia mano. Rimase immobile.

Le mie mutandine si sentivano sempre più strette e strette. Il mio corpo si spinse istintivamente su quello accanto a me.

"Brendan", mi lamentai con più aria che suono mentre spingevo le mie labbra verso le sue. La sua maglietta tornò piatta quando la mia mano si tirò fuori per gettarci le lenzuola. Il suo pene mezzo zoppo si contrasse sotto la mia biancheria intima attillata. Sono diventati ancora più piccoli. Cominciai a spostarmi sul suo bacino sperando di allentarli.

Le sue labbra erano così piccole e morbide. Le braccia attaccate al suo busto si sollevarono mentre i miei muscoli sopraffacevano facilmente i suoi. Era una bambola da usare a mio piacimento.

Padre -

In ginocchio, completamente nudo, spinsi la bocca attorno a uno dei testicoli di mio padre. Era così grande e caldo. La mia lingua danzava tra le rughe mentre il mio naso respirava nella base del suo cazzo. Era inebriante.

Abbastanza rapidamente, trovai che il mio corpo si staccava naturalmente dal suo testicolo e le mie labbra risalivano il suo condotto per entrare. Il debole liquido che si accumulava tra le mie gambe raffreddò il mio bacino mentre evaporava.

Mentre la mia bocca si rompeva per inalare la soffice testa del cazzo di mio padre, passai la mano lungo la schiena fino al mio culo nudo che spuntava all'aperto. Potrei quasi inserire quattro centimetri del suo enorme membro nella mia bocca. Almeno altri due o tre sono rimasti intatti.

L'ho risucchiato attorno mentre le mie dita scendevano nella mia fessura e immersi nella mia vagina.

Brother -

Le mie labbra hanno rotto il contatto con il suo solo per strattonare la camicia dal suo piccolo petto. Mentre quell'unica interferenza cadeva dalle mie mani sul pavimento, le mie labbra morbide e bagnate si riversarono nelle sue. Con una fettina lenta, mi tagliai la bocca con la lingua e me lo lasciai cadere in faccia. Tirando la mascella aperta con la mano, assaporai la sensazione della mia saliva che gli gocciolava in gola.

I suoi occhi lucidi tremavano. Li fissai dentro sapendo in fondo a lui, lui lo amava davvero. Un giorno, quando ero fuori al college, sarebbe stato in grado di masturbarmi nei miei ricordi. Mentre i suoi amici si crogiolavano nelle sue relazioni con me sperando solo di vedermi da vicino, la sua testa sarebbe stata riempita con queste molte notti.

Non ne poté più e sentii nel profondo silenzio il suono della sua gola aprirsi e chiudersi succhiare un pouchful della mia salivazione. Girai la testa e spinsi le mie labbra per collegarlo. Non avendo lasciato respirare aria dalle nostre bocche, potevo sentirlo pulsare la sua vita nella mia faccia attraverso il suo naso mentre lui poteva sentire il mio. Il mio bastone della lingua danzava sul suo.

Mi sono lamentato in gola non essere in grado di prendere la mia biancheria intima sempre più restringente. Ero gonfio e bagnato; i miei fianchi stavano bollendo. Rilasciando la presa dalla sua mascella, raggiunsi le mie gambe. Il tessuto si accartocciò e si accasciò sui miei fianchi. Ruppi il nostro bacio e tirai indietro lasciando una scia della mia saliva selvaggia che gocciolava sul suo petto e sul suo petto.

Padre -

Il mio corpo si arrampicò su di lui mentre il labbro inferiore si trascinava sul torace. Quel minuscolo smalto di sudore euforico che ho appena succhiato dall'organo sessuale di mio padre mi stava facendo impazzire. L'ho rivestito con la mia saliva e ora volevo rivestire anche le mie parti interne.

Le nostre labbra si sono incontrate e ho gemuto ripetutamente nella sua bocca la mia posizione sotto di lui.

"Papà, niente papà. Non metterlo in me. Per favore, papà fermati. "

La mia mano ha lottato per afferrare il suo pene fradicio mentre tentavo di comprimerlo saldamente nella mia fessura. Le mie grida senza fiato perché lui non mi violentasse cadde sul suo corpo incosciente. Alzai gli occhi dai miei abiti da sera appoggiati sul pavimento alla faccia di mio padre. Il suo cazzo si strinse tra le tenere labbra infiammate inserite sotto le mie ovaie.

"No papà. Per favore, farò qualsiasi cosa, semplicemente non ... Oooooooooooooooh! "Gemetti il ​​più silenziosamente possibile mentre spingevo il mio corpo in una solida pipa fumante. Con gli occhi chiusi, sentii il corpo di mio padre sotto il mio, così forte e imponente. "Papà", ho tubato.

Brother -

Le mie mutandine mi hanno lasciato i piedi mentre premevo la mia bocca nel trampolino elastico appena sopra i suoi boxer. Solo pochi centimetri sotto il suo organo sessuale. Pochi secondi prima l'ho scoperto all'aria aperta.

Mentre mi mettevo la biancheria intima giù per il bacino, trascinai anche le mie labbra. Attraverso la luce dei nuovi peli pubici cresciuti e sul suo pene, la mia bocca viaggiava prima di fermarsi. I suoi pugili però no.

Era duro, ma non così difficile come sapevo che avrebbe potuto ottenere. Teneva troppa resistenza nella sua mente. Le mie labbra si aprirono e la mia testa cadde sulla sua asta. Era in una catacomba di tessuto caldo, umido, oh-so-soft che succhiava e leccava la sua parte più sensibile del corpo. Fu uno dei momenti più felici per me quando lo sentii pronunciare quel gemito udibile.

Il suo piccolo pene era nella mia bocca. Adoravo quanto fosse compatta perché potevo adattarmi all'intera faccenda. Girando il collo da sinistra a destra, la mia lingua girava a spirale intorno all'albero con una maggiore concentrazione sulla testa.

Brendan non riuscì a smettere di gemere. I suoi fianchi involontariamente rabbrividirono e si tesero. Lo stavo rendendo felice.

E poi emise quel gemito che era quasi un pianto. Quell'organo riproduttivo maschile nella mia bocca è cresciuto solo un pochino di più e ho sentito mio fratello pompare i fianchi sul mio viso una volta. Il suo sperma caldo e denso si riversò nella mia bocca accogliente. Sapevo che non sarebbe stato molto importante, così gli ho succhiato addosso per farne un po 'di tutto per incanalarmi in gola.

Padre -

Il mio corpo ha spinto su e giù sul grosso oggetto che mi penetrava. Ero nudo Papà era nudo Stavamo facendo sesso. Eravamo fottuti. Papà e figlia. Sentivo quello stesso succo dentro di me che mamma sentiva quando lei e lui mi avevano concepito sedici anni fa.

"Papà. Per favore, almeno non sborrare dentro di me. Per favore, fermati. "Erano le stesse cose che mi facevano.

Le mie pastiglie le premevano forte contro il suo petto mentre i miei occhi si stringevano sempre più strettamente. Ho ripetuto ripetutamente quelle parole nella mia testa, 'Papà, non sborrare in me'. Il mio corpo pompò sempre più forte nella sua struttura rigida. Ero nudo Era nudo. Mio padre e me.

Ero a pochi secondi dal perdere il controllo. Mi sono trasferito più veloce e più difficile. Volevo che mi penetrasse così profondamente. 'Papà, non sborrare dentro di me.' La mia faccia inalò il suo petto. Libbra, sterlina, sterlina. Era così.

Il mio corpo si gettò nell'orgasmo; la mia vagina è schiacciata e convulsa sul cazzo di mio padre. Passarono dei secondi prima che sentissi un flusso caldo di spruzzi liquidi nella mia cervice che mi soffiò immediatamente in un altro orgasmo. Papà stava sbocciando dentro di me.

Spruzzò il suo latte caldo schizzato nel mio muro finale. Gli strati e le pareti dei miei tessuti, muscoli e organi, tutti convulsi e strappati all'oggetto esterno li gettano da parte.

"Papà, papà, papà," gridai senza fiato ai suoi bacetti mentre i miei seni si imbrattavano sotto. Passarono alcuni minuti prima che il mio corpo spezzasse le oscillazioni nei fianchi di mio padre e la mia mente spezzò le parole ripetitive del titolo di mio padre su di me.

-

Nel silenzio della stanza sentii qualcuno spostare il piede nudo sul tappeto . Con timore, ho immediatamente guardato indietro per vedere chi doveva essere entrato mentre ero nel mio culmine.

"Sembra che le cose siano un po 'fuori controllo", ha detto Amy.

"Scusa, non ho potuto controllare me stesso ", risposi colto sul fatto.

" Va bene. Anch'io sono stato un po 'trascinato e ho accidentalmente mangiato Brendan fino alla fine. "

" Deve essere la cosa gemella; entrambi perdono il controllo allo stesso tempo. "

Amy mi sorrise. "Beh, penso che in realtà abbiamo imparato a padroneggiare più di noi due gemelli."

"In ogni caso," sorrisi di rimando, "Potrei usare un fratellino per coccolarmi comunque dopo quello che papà e io abbiamo appena fatto . Non lo costringerò a tirarne fuori un altro. "

" Sì, beh, se non riesco a spremerne un altro da papà, allora mi devi ancora un altro nella nostra stanza. "

" Bene in quello caso, "ho preso in giro," non provarci troppo. "

Ho lentamente tirato fuori il mio corpo dalla pipa impalandomi lasciando una linea di sperma che mi collega a mio padre. L'ho tagliato con le dita e sono strisciato dal letto per rimettermi le mutandine.

"Ti lascerò pulire. E ci vediamo tra un'ora. "

Sogghignai al suo passaggio mentre fissavo il riflesso del mio seno sul suo corpo.


Fare bambini

Fare bambini

Mary Thoren è l'ultima ad essere scopata da mia moglie Kat. Maria ha 47 anni. office manger e madre di due figlie da 17 anni. capelli scuri sportivi e pieni di vita. Gli altri 22 e sposati fanno del loro meglio per avere un bambino, ma non si sta ancora avvicinando e lei è molto delusa. Mary è sposata con un uomo molto importante in città, ma come puoi immaginare Kat non gli importa di lui.

(Storie incesto)

Cugino 3some

Cugino 3some

All'epoca mia moglie aveva 22 anni e io 25 anni. Eravamo tutti molto vicini. Andremo tutti al bar ogni fine settimana. Mia moglie era molto stravagante, ma nessuno ha mai saputo di avere un lato così selvaggio. Un weekend abbiamo deciso di organizzare una festa a casa nostra. La festa è iniziata come il solito che tutti bevono e si divertono.

(Storie incesto)